Cerca casa, non paghi commissioni!
In vendita In affitto
In venditaIn affitto Ricerca avanzata

Blog immo-neo.com: tutto sul mercato immobiliare

Le notizie e le curiosità più interessanti dal mercato immobiliare. Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato!

NOVITÁ 2017: entra in vigore il "Deposito Prezzo dal Notaio"



La legge sulla Concorrenza (124/2017), ai commi 63 e seguenti dell’articolo 1, ha predisposto il cosiddetto “deposito prezzo dal notaio”.

Perché si è deciso di introdurre il deposito prezzo dal notaio?
Per il semplice fatto che nel periodo temporale tra il rogito e il momento della trascrizione l’acquirente era esposto al rischio che sopravvenisse una qualunque formalità di pregiudizio contro il venditore, che nel frattempo già aveva venduto il bene e incassato tutti i soldi, quando ancora la vendita non era stata trascritta.

Come funziona il deposito del prezzo al notaio?
Oggi è possibile, su volontà esplicita di una delle due parti (venditore o acquirente), depositare presso il notaio l’intero prezzo pattuito per l’acquisto/vendita oppure il saldo nel caso fosse stato effettuato un preliminare. In linea generale questa norma tutela maggiormente l’acquirente e quindi sarà quest’ultimo a spingere in maniera più importante.

È possibile depositare la somma versata al momento del preliminare?
Nel caso quest’ultimo venisse trascritto dal notaio allora sarà possibile depositare anche questa somma dal notaio.

Come ci si comporta davanti al notaio?
In genere ci si può trovare davanti a due situazioni:
Versamento totale del prezzo al momento del rogito senza la firma di un preliminare;
Versamento di una somma al preliminare e saldo del prezzo al momento del rogito. Dal punto di vista operativo si può procedere con:Assegno circolare intestato al notaio o Bonifico bancario sul conto del notaio. Una volta ricevuto il denaro sarà poi il notaio stesso a versare la somma sul conto del venditore.

Una volta consegnati al notaio i soldi sono al sicuro?
Assolutamente si in quanto il notaio trattiene la somma su un proprio conto appositamente dedicato con caratteristiche definite proprio dalla legge sulla Concorrenza. E’ un conto del notaio ma al di fuori del suo patrimonio: infatti se il notaio è debitore di qualcuno, i relativi creditori non possono pignorare i soldi depositati su tale conto corrente; se il notaio muore tali soldi non vanno a finire ai suoi eredi; se il notaio è sposato tali soldi non entrano nel regime di comunione dei beni con il coniuge. L’acquirente è quindi protetto dalle vicende della vita del notaio, è sicuro che questi soldi sono lì solo in modo transitorio e che sono destinati ad arrivare al venditore.

Come si comporta il notaio con la somma ricevuta?
Procede alla registrazione e alla trascrizione dell’atto nei Registri Immobiliari. Avvenuta la trascrizione dell’atto, quindi quando si ha la certezza che l’atto notarile ha prodotto i suoi effetti anche nei confronti dei terzi (ossia che l’acquisto è sicuro al 100% e che l’acquirente non ha più alcun rischio in relazione alle vicende personali del venditore), il notaio certifica che l’iter dell’acquisto si è perfezionato nel modo completo e procede al versamento dei soldi sul conto del venditore.

Il venditore rischia di attendere tanto tempo prima di ricevere i soldi?
Tendenzialmente no. Infatti tutto dipende dalla fretta che le parti hanno di chiudere l’operazione. Se il venditore ha la particolare esigenza di voler disporre subito della somma allora il notaio può anche fare tutto in un paio di giorni. Se invece le parti non hanno particolare fretta potrebbe volerci qualche giorno in più ma questo dipende anche dai tempi dello studio Notarile.

Il venditore quindi consegna le chiavi all’acquirente senza ricevere i soldi?
Nel caso si decidesse di utilizzare questa soluzione del deposito prezzo si! Però comunque il venditore non corre alcun rischio. Il venditore rischia di non ricevere il denaro solo a causa di eventi pregiudizievoli di cui sia causa il venditore stesso: ipoteca, sequestro, pignoramento. Non ci sono altri eventi che impediscano al notaio di consegnare la cifra al venditore.

Chi trae più vantaggi da questa norma, venditore o acquirente?
Beh chiaramente questa norma va a tutelare solo la parte acquirente. Anche lo Stato avrà dei vantaggi da questa norma in quanto gli interessi maturati sul conto andranno appunto allo Stato che “dovrebbe” destinarli ad un fondo per le piccole-medie imprese italiane.

28/09/2017     immo-neo.com     Le guide immo-neo.com
    Ritorna al blog immo-neo.com
Categorie
News
156 
Hanno venduto con noi
70 
Le guide immo-neo.com
140 
Curiositá
134 
Parlano di noi
58 
Il mondo immo-neo.com
78 

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere le ultime novità di immo-neo.com!

Articoli piú letti

Comprare casa al mare, dove conviene di più investire?

L’estate 2020 sarà sicuramente diversa da tu(...) - 28/07/2020

Perchè l'acquirente non paga? Ecco i nostri 3 buoni motivi!

Ti chiederai come mai abbiamo scelto di non applicare cos(...) - 13/05/2020

immo-neo, agenzia o fai da te?

Se ti trovi su questa pagina è perchè vuoi (...) - 09/05/2020

Come vendere al miglior prezzo?

Se sei arrivato su questa pagina è perchè v(...) - 12/05/2020

  • 360 gradi
    13031039
    Visite virtuali
    effettuate dagli acquirenti
  • euros
    26038329
    Euro risparmiati
    dai nostri clienti*
  • sign up
    79533
    Utenti registrati
    al servizio
  • champagne
    1209
    Vendite concluse
    da nostri clienti

AL tuo fianco
per vendere casa

Ti aiutiamo ad ottenere il massimo valore
dalla vendita della tua casa!

welcome pack
Parlano di noi...